Platanus Acerifolia

PLATANUS ACERIFOLIA

Il Platanus Acerifolia o Platano comune si presenta con la sua maestosa ampia chioma, che nelle piante più isolate può anche arrivare a toccare terra, ha un’ altezza media di 30m ma alcuni esemplari riescono a toccare i 40m.
Il suo fusto, ha una corteccia che si desquama asimmetricamente e permette di osservare gli strati sottostanti dal colore grigio-verdastro.
Simpodiale è la sua ramificazione con gemme divergenti contenute nelle perle del picciolo fuse assume, mentre le foglie sono simili a quelle del platano orientale con cinque o sette lobi acuti, dentati e stipole piccole.

La fioritura del Platanus Acerifolia è prevista tra aprile e maggio; i suoi fiori riuniti in racemi, dove si trovano i frutti di forma sferica, con colori gialli e rossi e anemofila è l’impollinazione.
I suoi frutti, portati su peduncoli lunghi, maturano in autunno e si disgregano in inverno, portando gli acheni lontano dalla pianta grazie al vento, per mezzo di ciuffi che li sostengono.

Per permettere la crescita in altezza, il Platanus Acerifolia ha bisogno di poter sviluppare un buon apparato radicale, infatti sebbene è adatto a qualsiasi terreno non calcare, preferisce quelli ben drenati e profondi, che permettono di evitare i ristagni idrici.
Una pianta che riesce a crescere in piena ombra ma preferendo esposizioni soleggiate, si dimostra forte e resistente anche al freddo, è una pianta che preferisce lo spazio ampio.
Gli esemplari giovani, hanno bisogno di essere annaffiati nel periodi più caldi, di essere irrorate con fulgidi ad ampio spettro per evitarne l’ insorgenza.
Mentre gli adulti che hanno già sviluppato un sistema forte si accontentano delle piogge, sopportano inquinamento e potature ripetute.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner e/o continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.